Purzleber con le poesie + il giallo della Russotto

Due novità in libreria: una col marchio-madre thedotcompany e l’altra col marchio-figlio stampeditore. Si tratta della raccolta di poesie “Prova d’intonazione” di Tazio Purzleber (collana Myricae, prefazione di Alberto Peruzzi: 116 pp., 11,90 euro) e del romanzo giallo “Il libraio di Campisalti” di Maria Lucetta Russotto (collana Blogging: 66 pp., 9,90 euro). In attesa di comunicarvi le date di una prima presentazione pubblica, ecco alcune informazioni sui due volumi e sui due autori.

Tazio ci interroga sul senso della vita, suggerisce una irriducibile molteplicità di prospettive e ne esclama una non ancora contemplata, dubita, spoglia la sua anima e la riveste, fugge e immediatamente ci chiama. Variazioni alla ricerca di un tema che si sa celato in esse? Ciclo conchiuso di tutte le possibili permutazioni? No, è lui stesso a mischiare astutamente le carte servendosi di luoghi, forme, odori, stoffe, umori esalati dalle cose più comuni o da creature senza nome.

Tazio Purzleber è un apolide di origini altoatesine. Il suo giovanile attivismo extraparlamentare ne aveva fatto un punto di riferimento del Movimento per l’Autogestione.
Naufragati quegli ideali, ha vissuto a lungo con un gruppo di Rom, prima di stabilirsi in una malga della Val Visdende. Oltre che poeta, ha composto racconti satirici e favole, una delle quali, Alice nel paese delle lettere, è apparsa nel 2017 su «Iuncturae». Della sua persona non si hanno più notizie da alcuni anni.

Nel paese di Campisalti l’appena nominato comandante della locale stazione dei carabinieri si trova a dover risolvere un traffico di cocaina che sta sconvolgendo il paese. L’unico momento di svago è quando può visitare la bellissima libreria che è stata aperta davanti alla sua abitazione e del cui proprietario è diventato amico.
Sarà proprio il legame con il libraio ad assumere improvvisamente un ruolo inaspettato e utile alla soluzione del caso.

Maria Lucetta Russotto, dottore commercialista titolare di studio a Prato e docente all’Università di Firenze, vive a Poggio a Caiano (PO). Nel 2002 ha pubblicato il suo primo romanzo Ci sono più cose (Mondadori).
Da scrittrice ha vinto numerosi premi letterari, tra cui il premio Donna Moderna, il premio Il racconto nel cassetto, il premio Gialli Mondadori, il premio Il grillo parlante, il premio Volti di donne e il premio Margutta.

*****

Il 13 ottobre alla biblioteca comunale Panizzi di Reggio Emilia abbiamo presentato l’autobiografia del prof. Roberto Fieschi da Parma (“Sul filo della musica. Ricordi e riflessioni di un vecchio fisico”, moderatrice Stefania Valbonesi da Firenze) e il poema di Ciro Andrea Piccinini da Reggio Emilia (“Fabula postuma. Duecentodieci variazioni per voce roca e viola d’amore”, moderatore Paolo Fabrizio Iacuzzi da Firenze)

Un gruppo di amici di thedotcompany discute di saggistica a Sassuolo

Lascia un commento