Vita avventurosa d’un fisico vagabondo

di Roberto Coïsson

Vita avventurosa d’un fisico vagabondo
Oriente e ritorno: appunti autobiografici

Pagine 104 / ISBN 978-88-99257-77-4 / 28 marzo 2019
Ed. cartacea: 12,90 euro

I ricordi (la famiglia, la formazione, il lavoro, gli incontri, le passioni) di uno scienziato curioso e libero, errante nel suo darsi outsider e dunque apolide nel suo farsi globetrotter. Da Firenze a Parma, dalla Guinea alla California, dall’URSS alla Cina, dal Messico al Vietnam, dagli esperimenti al CERN di Ginevra alle montagne dell’Himalaya in Nepal. Percorsi e sentieri d’incessante ricerca (scientifica, culturale, esistenziale) trasformati in trascorsi e pensieri, quindi fissati in un prezioso memoir ricco di aneddoti e di consigli di viaggio per amici e lettori.

Roberto Coïsson è nato nel 1943a Torre Pelice (TO), nelle valli occitane del Piemonte occidentale, da una famiglia valdese cosmopolita. Ha frequentato le scuole elementari a Signa (FI) e poi a Firenze, dove ha terminato l’università laureandosi in Fisica nel 1966. Dopo un periodo di vagabondaggio, ha lavorato due anni al servizio del Ministero dell’Educazione della Repubblica di Guinea e poi 4 anni come assistente incaricato all’università di Lecce. Trasferitosi all’università di Parma, ha iniziato una serie di soggiorni di lavoro in vari paesi: due anni al CERN di Ginevra, uno al centro per la radiazione di sincrotrone a Stanford (California), uno (a rate) all’accademia delle scienze del Vietnam, ad Hanoi, e quattro a Pechino all’ambasciata d’Italia come consigliere scientifico (…oltre a brevi soggiorni a Novosibirsk, Hefei, Tsukuba). Si è infine appassionato di viaggi turistici per conoscere popolazioni, monumenti e zone naturali nel mondo insieme a Paola, sua compagna da 50 anni.

Lascia un commento